Rapporti scheletrici

Diagnosi globale: rapporti scheletrici. Il volto di una persona può essere genericamente suddiviso in terzi. Avremo pertanto un terzo superiore che va dall’attaccatura dei capelli al punto di congiunzione delle sopracciglia (glabella); un terzo medio che va dalla glabella al punto sottonasale; ed un terzo inferiore che va dal punto sottonasale al termine del mento.

Federico Campedelli Dentista - Diagnosi globale - Rapporti scheletrici

In un volto proporzionato il terzo medio e quello inferiore del volto dovrebbero essere circa 1:1 in lunghezza. Se il terzo inferiore è più lungo del terzo medio della faccia sia in può stabilire una diagnosi di eccesso mascellare. Questo problema si traduce in un eccesso di gengiva sia anteriore che posteriore che risulta visibile quando si sorride o durante una normale conversazione il che ha talvolta implicazioni estetiche importanti.

Federico Campedelli Dentista - Diagnosi globale - Rapporti scheletrici

Se il terzo inferiore invece è più corto di quello medio ci troviamo di fronte ad un difetto di crescita mascellare. Questa caratteristica dovrà essere posta in relazione con la seconda diagnosi globale ovvero quella riguardante le labbra.

Se il difetto mascellare risulta in un significativo problema funzionale e o estetico per il paziente il trattamento primario è la chirurgia ortognatica. Questa procedura è eseguita da specialisti maxillo facciali.

In ultimo, deve essere valutata la relazione antero-posteriore tra la mascella e la mandibola. La linea Estetica (E) di Ricketts è uno strumento di screening per valutare questa relazione. In visione laterale si traccia una linea dal naso al mento. In una rappresentazione 1:1 di un profilo giovanile il labbro superiore dovrebbe essere a 2 – 4 mm dietro la linea ed il labbro inferiore dovrebbe essere 0 – 2 mm dietro quella linea. La faccia normale ha una proiezione facciale diritta.

Se il labbro inferiore è più distante di 2 mm circa si ha un profilo convesso che può indicare una Malocclusione di Angle di classe II. Se il labbro inferiore è di fronte alla linea il profilo facciale è concavo il che indica una malocclusione di Angle di classe III.

Queste proporzioni avranno delle implicazioni anche a livello dentale e sono di pertinenza dell’ortodonzia.

Per prenotazioni, informazioni e urgenze scrivi o chiama

SCRIVI
CHIAMA